SEO e SEM: le tattiche vincenti per aumentare il traffico sul tuo sito

SEO e SEM: tattiche vincenti per aumentare il traffico sul sito web

Indice

SEO e SEM sono due parole spesso menzionate in qualsiasi discussione riguardante il posizionamento del marchio o del prodotto su Internet. Ma cosa significano esattamente?

Prima di ogni altra cosa, è considerevole sapere che SEO e SEM sono acronimi di termini inglesi:

SEO sta per “Search Engine Optimization“, ossia ottimizzazione dei motori di ricerca. Si tratta di un insieme di strategie volte a far sì che i contenuti (come pagine web, negozi online, blog, ecc.) siano visualizzati tra i primi risultati delle ricerche su Google.

SEM sta per “Search Engine Marketing“, ovvero marketing sui motori di ricerca. Questo racchiude l’utilizzo di pubblicità o di link sponsorizzati all’interno dei motori di ricerca.

Ambedue le strategie sono mirate al “marketing sui motori di ricerca”, con Google che domina la maggior parte delle query su Internet.

È basilare approfondire le differenze tra SEO e SEM e capire perché sia fondamentale includerli nella strategia di marketing digitale.

Occorre precisare però che la SEO implica l’utilizzo di tecniche volte a far sì che i contenuti siano riconosciuti da Google come rilevanti e di conseguenza visualizzati tra i primi risultati delle ricerche. Alcuni dei fattori più incidenti da osservare includono la velocità di caricamento della pagina, la user experience, la pertinenza dei contenuti e l’utilizzo di parole chiave.

Cos’è il SEM?

SEM è una strategia di marketing sui motori di ricerca che consta nell’investimento diretto di denaro per promuovere un sito web o un prodotto tramite gli annunci a pagamento di Google Ads.

Questi annunci vengono identificati nella pagina dei risultati con l’etichetta “pubblicità”. Gli annunci a pagamento vengono creati sulla base delle parole chiave in cui si desidera apparire quando un potenziale cliente esegue una ricerca su Google per tali termini. Ad esempio, se si possiede un negozio di articoli sportivi, quando qualcuno cerca “scarpe Adidas Superstar”, se si appare nei primi risultati, è molto plausibile che quella persona visiti il negozio online per cercare quelle scarpe desiderate. Attraverso la contrazione di questi annunci a pagamento, Google mostra il contenuto che si è incluso nell’annuncio nei primi risultati di ricerca.

Perché è importante utilizzare strategie SEO e SEM?

Le strategie SEO e SEM sono diventate così rilevanti nel nostro tempo perché il posizionamento per i primi risultati nei motori di ricerca è divenuta una lotta abbastanza feroce. È sostanziale essere tra i primi risultati perché il numero di clic, e pertanto di visite al proprio sito web o ai propri contenuti, è molto più alto se si trova in cima alla pagina dei risultati di ricerca su Google. Pochi utenti superano la prima pagina dei risultati, quindi se non si compare lì, in pratica, è come se non si esistesse per la persona che ha cercato una parola chiave correlata al proprio brand.

Differenze tra SEO e SEM:

Le differenze più importanti tra queste strategie SEO e SEM sono l’investimento di denaro e il tempo necessario per vedere i risultati. Le tattiche pubblicitarie a pagamento, SEM, possono essere risolte più prontamente a breve termine, mentre le tattiche di ottimizzazione dei contenuti, SEO, richiedono più tempo per essere efficaci a lungo termine. Il costo dell’investimento dipende dalle parole chiave selezionate per pubblicizzare il prodotto o il marchio. Le parole chiave più richieste hanno una maggiore concorrenza e richiedono un investimento maggiore. D’altra parte, la SEO si concentra sulla creazione di contenuti di qualità per il pubblico e per Google, che richiedono tempo per essere riconosciuti e mostrati nei primi risultati di ricerca.

SEO e SEM: come e da dove cominciare?

A questo punto, immagino di averti già convinto dell’importanza di questo tipo di strategia per il tuo piano di marketing digitale e anche delle differenze tra SEO e SEM. Il passo successivo, perciò, è capire come e da dove iniziare nel posizionamento sui motori di ricerca. Ecco alcuni consigli:

  • Definisci i tuoi obiettivi principali: cosa stai cercando di ottenere? Vuoi vendite immediate? Vuoi generare traffico organico verso il tuo negozio? Vuoi ottenere abbonati alla tua newsletter?
  • Stabilisci le tue condizioni: qual è il tuo budget? Hai esigenze di tempo specifiche?
  • Determina che tipo di contenuto vuoi promuovere: devi pubblicizzare un prodotto specifico o vuoi far conoscere il blog del tuo brand?

Sulla base di queste risposte, è il momento di mettere in ordine le tue priorità. A seconda di ciò che vuoi ottenere, troverai la risposta giusta in una strategia SEM, una strategia SEO o una mescolanza di ambe.

Ricorda che l’esperienza dell’utente è la tua priorità numero uno. Offri loro informazioni preziose e vedrai il tuo sito scalare le posizioni nei risultati di ricerca. Non dimenticare che quando raggiungi un utente fedele, è molto possibile che torni a trovarti.

Ma attenzione, non cercare di ingannare Google! L’algoritmo è molto sofisticato e se generi contenuti solo per i motori di ricerca, verrai penalizzato. E infine, misura tutto ciò che puoi per valutare l’efficacia della tua strategia.

Conclusioni

Non farti spaventare dal magico mondo dell’ottimizzazione dei motori di ricerca. Con dedizione e questi semplici consigli, potresti cominciare a vedere risultati sorprendenti. Buona fortuna!

Se vuoi imparare altre nozioni sull’indicizzazione del tuo sito web ti consiglio di leggere queste guide:

Condividi

Non sei riuscito a farlo in autonomia?

Affida a noi il tuo intervento!

Ti potrebbe interessare anche

Hai bisogno di assistenza o sviluppo per il tuo Sito Web? 🚀

Contattaci subito per ricevere un preventivo GRATUITO e senza impegno!

Assistenza Web

+39 328 48 90 786

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.